www.cfi.it
Home > News > INTERVISTA A DAVIDE TRAPANI di Andrea Bernardini

INTERVISTA A DAVIDE TRAPANI di Andrea Bernardini

FotografiaNata nel 2005 a Nus (AO), da un gruppo di giovani operatori del settore edile per promuovere un nuovo modo di costruire, la cooperativa Edileco è diventata in questi ultimi anni un’azienda leader nella creazione di abitazioni ecocompatibili, in grado di unire bassi consumi ed alto comfort abitativo. Basti pensare, solo a titolo di conferma, che la cooperativa valdostana è stata, nel 2013, la prima a promuovere nel nostro Paese, in quel di Perrinaz, la costruzione di alcune abitazioni con riscaldamento a costo zero garantito, grazie all’utilizzo di energie rinnovabili. Oggi, nella cooperativa di Nus, sostenuta anche da Cfi, lavorano più di cinquanta persone, fra soci lavoratori e dipendenti, di cui oltre il 49% di un'età inferiore ai trentadue anni, e il suo fatturato, nel 2019, ha fatto registrare una cifra superiore ai 5.400.000 euro. Di Edileco abbiamo parlato con Davide Trapani, presidente della cooperativa.

Presidente Trapani, la prima domanda è quasi scontata. Dopo l’operazione immobiliare di Perrinaz, avete realizzato altri nove condomini per cinquanta famiglie valdostane che vivono in case perfettamente isolate e confortevoli senza alcun costo di riscaldamento. Quali sono i punti di forza del vostro progetto “Riscaldamento a costo zero”?
I punti di forza si possono individuare nell’assenza di costi e manutenzione per le famiglie, nel massimo isolamento termico degli edifici, nell’impianto di riscaldamento alimentato esclusivamente da energie rinnovabili e, infine, nell’alto comfort interno. La formula “Riscaldamento a costo zero” significa dieci anni a zero costi di riscaldamento e zero costi di manutenzione dell'impianto. Il riscaldamento del condominio è prodotto da una pompa di calore alimentata da un impianto fotovoltaico. A seconda della morfologia del terreno, scegliamo ogni volta la migliore soluzione possibile: pompa di calore aria-acqua oppure acqua-acqua, nei casi in cui la falda acquifera sia più facilmente raggiungibile. La formula “riscaldamento a costo zero”, insomma, garantisce che l'impianto per il riscaldamento (composto da fotovoltaico e pompa di calore) non vada ad incidere sulla bolletta elettrica del condominio. Il costo dell'energia elettrica necessaria al riscaldamento, tramite l'alimentazione della pompa di calore, infatti, è di norma inferiore ai ricavi economici che derivano dall'impianto fotovoltaico. Nel caso in cui il costo dell'energia elettrica utilizzata per il riscaldamento dovesse essere maggiore rispetto a quanto ricavato dall'impianto fotovoltaico, Edileco si impegna ad eseguire un bonifico a copertura del maggior costo, garantendo in ogni caso l'assenza di spese per il riscaldamento da parte dei condomini.

La sede di Edileco, dove è stato realizzato il primo bosco verticale della Valle D'Aosta, parla per voi. Si tratta di un’importante operazione in cui ci sembra che la vostra azienda abbia messo in campo tutta la sua professionalità in termini di progettazione innovativa, design e attenzione alla sostenibilità. Ci può dire come è nato il progetto?
La nostra non è stata semplicemente una ristrutturazione ad alta efficienza energetica di un vecchio edificio, che ha ospitato per decenni un negozio di arredamento nel centro di Nus, ma una vera operazione di rinascita degli spazi, di cui abbiamo curato ogni aspetto. Alberi, rampicanti e piante verdi scelti per le facciate compongono, come diceva lei, il primo bosco verticale della Valle d'Aosta e, insieme ai giochi di luce e agli inserti in ferro, creano sfumature diverse in ogni ora del giorno. Sono stati scelti sei alberi ad alto fusto fra Magnolia, Osmanthus, Betulla e più di quattrocento piante che decorano la facciata sud: Felce, Vinca, Mahonia, Pieris, oltre alle Lonicere rampicanti che cresceranno invece sulla facciata est. Per il design interno degli uffici abbiamo scelto legno, materiali naturali e linee semplici, cercando di utilizzare in molteplici forme e dimensioni un elemento a cui siamo molto legati: l’albero. Perché per noi rappresenta un’immagine universale della sostenibilità, che è il tema centrale di ogni nostro intervento. L'albero è un simbolo potente che vive e si moltiplica, nello spazio e nel tempo, in un’infinita varietà di forme che abbiamo raccolto e rielaborato in ogni dettaglio. Anche all'efficienza energetica dell’intero edificio abbiamo dedicato la massima attenzione: isolamento termico, impianti innovativi ed energie rinnovabili sono stati i punti cardine di tutta la progettazione energetica.

Sempre nel solco della sostenibilità, da alcuni anni siete i promotori di un evento, Edileco RUN24, che ha avuto una grande partecipazione di pubblico. Ce ne vuole parlare?
Dal 2017, Edileco ha deciso di investire la maggior parte del budget annuo destinato alla comunicazione, nell'organizzazione di questo importante evento. Si tratta di una ventiquattro ore di corsa a staffetta, organizzata nel centro di Aosta in autunno, per partecipanti competitivi e non competitivi, che nell’edizione del 2019 ha raccolto milleduecento partecipanti fra adulti e bambini. Con Edileco RUN24 abbiamo voluto mettere al centro la sostenibilità, la passione per il running, l'attenzione per la cultura e per il territorio. Abbiamo voluto, inoltre, legare la nostra cooperativa ad un’esperienza gioiosa, dando la possibilità ai cittadini di “riprendersi” Aosta mentre camminano o corrono per le vie del centro.

Tra tutti i progetti che avete in cantiere, ce n’è uno, nato dall’acquisizione di un hotel, di cui ci piacerebbe sapere qualcosa di più. Di che si tratta?
Al momento possiamo solo dire che sarà l'operazione più grande dei nostri primi quindici anni di attività e dare alcuni numeri: venti appartamenti ad alta efficienza energetica con finiture di pregio e terrazzi esclusivi, centottanta metri lineari di verde pensile, quattro colonnine di ricarica per le auto elettriche. Appartamenti e spazi ricettivi che rappresenteranno il massimo dell'innovazione nell'edilizia residenziale del nostro territorio.

Il modo migliore per predire il futuro è inventarlo, diceva qualcuno. Il futuro di Edileco come sarà?
Sicuramente continueremo ad innovare, presentando al mercato prodotti caratterizzati da alte prestazioni energetiche, senza rinunciare a nulla dal punto di vista del comfort e della qualità, anzi aumentando il grado di tecnologia in tutte le nostre case. Il 2020 sarà l'anno in cui ci dedicheremo ancora di più all'innovazione: abbiamo già costituito un team di ricerca e sviluppo che sta lavorando alla creazione di un’app che permetta ai nostri clienti di usufruire di servizi aggiuntivi che via via verranno aggiornati ed integrati. L'obiettivo è quello di creare un vero e proprio ecosistema Edileco che ci consentirà di avere un vantaggio tecnologico importante rispetto ai competitor. L’app permetterà al cliente Edileco di comandare in maniera semplice ed intuitiva tutti i dispositivi, indipendentemente dal fornitore utilizzato, e di accedere a servizi aggiuntivi, come il car sharing elettrico condominiale.

Un’ultima domanda, per concludere questa breve intervista. Cosa significa per voi essere una cooperativa?
È la forma societaria che abbiamo scelto dall'inizio della nostra storia e che ci rappresenta di più, perché ci ha permesso di unire le competenze per lavorare al meglio.